Nome in codice… sicurezza, specie in mobilità.

blocco-schermoLa nostra vita si sta riversando nel mondo digitale, abbiamo un sacco di password per proteggere i nostri dati sensibili ma poi le segniamo nel blocco note del cellulare, le inviamo per email per archiviarle o le aggiungiamo alla rubrica telefonica.

Ma il nostro telefono ci può essere rubato, potremmo perdere l’iPad e lasciarlo nell’autobus, dimenticarli al bar o al ristorante e tutti i nostri dati importantissimi, le nostre password le nostre email confidenziali ecc. tutto a disposizione di qualcuno e non è una prospettiva allettante.

Nella migliore delle ipotesi dovrete cambiare tutte le vostre innumerevoli password, cercare di ricordare quali email e quali dati importanti ci sono nel vostro device, vi assicuro che ce ne sono molti, e sperare che non ci sia nulla di assolutamente imperdibile.

Cosa fare per evitare tutto questo?

Per prima cosa dovete essere sicuri che i vostri dati siano tutti recuperabili, quindi fate un backup del vostro telefono, utilizzate applicazioni che salvino i dati nel cloud ed utilizzate account di posta con protocollo imap cosicché anche le mail spedite siano recuperabili in modo che quando dovremo iniziare con un nuovo telefono basterà immettere i nostri vari account per riavere tutti i nostri dati a disposizione.

Ora dobbiamo assicurarci che se per una sfortunata coincidenza il nostro device finisse in mano a qualcuno i nostri dati non siano a sua disposizione. Per prima cosa dobbiamo assolutamente mettere un codice di blocco per accedere al telefono, è una scocciatura ma non lo sarà mai quanto cambiare tutte le password dei nostri account (nella migliore delle ipotesi) e che questo codice ovviamente non sia 1234 o 0000. Dobbiamo attivare una funzione di rintracciamento (c’è sia nel mondo apple che nel mondo android) non tanto per la possibilità di ritrovare il nostro device (l’accuratezza è di decine di metri) ma per la possibilità che ci offre di bloccare a distanza l’apparecchio ed inizializzarlo cancellandone tutti i dati.

Ovviamente la cosa migliore è di non farvi mai rubare il cellulare 🙂